La controversia Pelagiana in oriente

Malavasi, Giulio
La controversia Pelagiana in oriente
La controversia Pelagiana in oriente
 
Reihe
Bandnummer
60
Auflage
1. Auflage
Umfang
ca. 384 Seiten
Einband
kartoniert
Erscheinungstermin
01.05.2022
Bestell-Nr
16650
ISBN
978-3-402-16650-5
Preis
54,00

Weitere Informationen

In questo volume è stata studiata in maniera complessiva la parentesi orientale della controversia pelagiana (411-431). La ricerca è divisa in due parti. Nella prima, sono stati esaminati i rapporti che i principali esponenti del movimento pelagiano (Pelagio, Celestio e Giuliano d’Eclano) hanno intrattenuto con i vescovi orientali con cui sono entrati in contatto (Giovanni e Prailo di Gerusalemme, Attico di Costantinopoli, Cirillo d’Alessandria, Teodoro di Mopseustia e Nestorio). In questo modo è stato possibile delineare una geografia dell’accoglienza e del respingimento dei membri del movimento pelagiano. Infatti, è soltanto al termine di questa indagine storica, durante il Concilio di Efeso (431), che anche in Oriente il pelagianesimo è diventato unanimemente un’eresia da condannare.
Nella seconda parte della ricerca sono stati analizzati i principali teologi e polemisti anti-pelagiani di lingua latina residenti in Oriente. Si tratta di Girolamo, Orosio, Heros e Lazzaro, accusatori di Pelagio durante il sinodo di Diospoli (415) e di Mario Mercatore. Questi autori sono stati messi a confronto con Agostino d’Ippona allo scopo di dimostrare la pluralità delle posizioni teologiche e delle rappresentazioni retoriche del pelagianesimo tra i suoi oppositori. Si è dimostrato, infatti, che opporsi al movimento pelagiano non ha significato necessariamente condividere in pieno una teologia di stampo agostiniano, nè la medesima impostazione retorica di Agostino.
programmierung und realisation © 2022 ms-software.de